L’Ecomuseo

L’Ecomuseo della Valsesia intreccia la memoria degli abitanti a quella dei luoghi e delle cose, ed è straordinariamente ricco di testimonianze storiche.
La valle, incastonata tra le vette delle Alpi Pennine, affascina per la capacità di raccontare uno stile di vita mai scomparso: tra le pittoresche e graziose frazioni le strade moderne cedono il passo alle mulattiere in cammino verso preziose opere d’arte racchiuse in cappelle e oratori, torchi, forni per il pane o la calce, vecchie segherie, mulini idraulici e fucine. Qui si possono ancora osservare lavorazioni artigiane secolari, piccoli musei. Con un po’ di fortuna, in qualche caso si incontrano i pastori che ancora oggi raccontano della propria vita in alpeggio e delle transumanze.

Il termine-neologismo “Ecomuseo” nasce in Francia nel 1971 grazie a Huges De Varine, considerato il padre fondatore di questo particolare tipo di valorizzazione museale-territoriale. La sua idea era quella di legare il concetto di “museo”, nato per conservare e tutelare la memoria del “passato”, ai nascenti interessi di sviluppo locale ed educazione ambientale. Nel nostro paese, sin dagli anni ’70 del secolo scorso, si assiste allo sviluppo di una nuova attenzione verso la società agricola, sempre più compressa e minacciata dall’industrializzazione e dall’urbanizzazione, e alla nascita di vari musei di arti, mestieri e tradizioni popolari ideati con lo scopo di conservare e difendere le origini, le memorie e le identità delle comunità.

L’Ecomuseo della Valsesia è stato istituito nel 1996 dalla Regione Piemonte coinvolgendo circa 13 paesi (L. R. n. 31 del 14 marzo 1995).
Si tratta di una valorizzazione che offre al visitatore la possibilità di avere una visione d’insieme della Valsesia e delle sue peculiarità ambientali ed abitative, segnate da secolari tradizioni.

Gli Ecomusei della Valsesia

Il Mulino di Mollia

Il Mulino di Mollia Ecomuseo Mulino Fucina di Mollia Frazione Piana Fontana, Mollia (VC) INFO E VISITE Contattare il Comune di Mollia Email: mollia@reteunitaria.piemonte.it Tel. 0163.77102 Il Mulino-Fucina di Mollia...

Scopri di più
ecomuseo rassa

La Segheria di Rassa

La Segheria di Rassa Nel panorama dell'Ecomuseo della Valsesia la segheria di Rassa è certamente uno dei siti più straordinari, per bellezza e funzionalità. La segheria (“resga”) fu attiva fino...

Scopri di più

Il Museo Walser di Alagna

Il Museo Walser di Alagna Il Museo Walser di Alagna si trova in frazione Pedemonte ed è, con ogni probabilità, uno dei musei più famosi del territorio. Qui è possibile...

Scopri di più
Museo walser di Rabernardo

Il Museo Walser di Rabernardo

Il Museo Walser di Rabernardo Il Museo Walser di frazione Rabernardo, in Val Vogna, è un sito di particolare interesse anche per via del luogo in cui si trova: un piccolo...

Scopri di più

Il Marmo Artificiale di Rima

Il Marmo Artificiale di Rima L'Ecomuseo di Rima pone, tra le sue tappe fondamentali, il laboratorio-museo del Marmo Artificiale. Esso comprende anche l'unico esempio valsesiano di Gipsoteca, dedicato alle opere...

Scopri di più
Museo walser di Rimella

Il Museo Walser di Rimella

IL MUSEO WALSER DI RIMELLA Rimella è il più antico insediamento Walser in Valsesia. Si tratta di un villaggio veramente molto particolare per la fisionomia dell'abitato che, pur conservando le...

Scopri di più

Guardabosone, paese museo vivo

Guardabosone, paese museo vivo Guardabosone non è, ufficialmente, un Ecomuseo. Tuttavia, per la ricca presenza di testimonianze e musei allestiti dai suoi abitanti risulta essere, a tutti gli effetti, parte...

Scopri di più

Oltre a quelli esaminati, si trovano altri siti di interesse ecomuseale a Carcoforo, Rimasco e Cellio.
In queste aree è possibile pianificare degli itinerari per osservare antichi luoghi di produzione, le unità abitative rurali e i musei.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Content is protected !!
X