CAPPELLE, MERIDIANE, SCRITTE E….

Trovandosi a passeggio per Mollia non si deve dimenticare di camminare sovente tenendo “il naso all’insù”. Può sembrare banale, ma è il modo migliore per poter inciampare su cose straordinarie, come le meridiane. A Mollia, come in molti altri paesi della Valsesia, e ne trovano molte (la più intrigante si trova in frazine Goreto: è datata 1760 e vi sono dipinti una conchiglia, una campana, uno stemma con un lupo, tre coppe su due campi e un cartiglio con la scritta UT DICANT – che si tratti di un rebus?).

La stessa attenzione vale per gli affreschi o le scritte celebrative che si trovano spesso in angoletti nascosti tra i profili delle case oppure nelle cappelline che punteggiano le viuzze del paese come, del resto, accade in gran misura in tutta la Valsesia. Spesso le si intravede dalla strada e quasi mai ci si ferma ad osservarle. Ma, prendendosi del tempo, si possono scoprire affreschi di artisti locali più o meno dotati che riconfermano ogni volta la straordinaria vocazione all’espressione artistica e all’amore del “bello” di questa gente: non di un bello edonistico quanto di un bello edificante, salvifico. Composizioni che dimostrano deliziose declinazioni popolari, semplici ma ben curate nei dettagli, spesso risalenti al ‘500, a volte anche al ‘400, a volte accompagnati da piccoli ex voto o arredi lignei.

Le cappelle più importanti nel panorama molliese sono: quella di San Defendente (fraz. Grampa) con affreschi risalenti alla prima metà del ‘500 e quella denominata d’i Capleit (fraz. Piana Toni).

La processione della büra

Una tradizione antica vuole che ogni anno, la sera del 30 dicembre, si celebri la festa e la processione della büra (falò), una solenne festa liturgica che propizia l’inizio del nuovo anno. Tutta la popolazione si riunisce nella chiesa parrocchiale e, dopo aver assistito alla celebrazione della Santa Messa, parte in processione reggendo in mano delle fiaccole; giunta vicino alla cappella di San Defendente, alimenta un gran falò, realizzato con una catasta di legna preparata dai boscaioli del paese.

La processione della büra
 

Galleria fotografica