Estate: tutti in spiaggia!

In Valsesia sul Sesia e i suoi affluenti…

Con l’arrivo dell’estate e del caldo molti di voi staranno già sognando le vacanze al mare. Per chi è ancora indeciso o vuole provare una vacanza alternativa vi proponiamo alcune delle splendide “spiagge di montagna”. Il Sesia e il Mastallone offrono dei punti di accesso al fiume caratterizzati da piccole spiaggette di sabbia fine e piscine naturali di rara bellezza. Un tuffo nelle acque dai colori caraibici vi permetterà di godere appieno della natura selvaggia e magica di questi luoghi. E queste giornate al “mare” possono essere abbinate alla visita di luoghi ricchi di storia e di culto come il Sacro Monte di Varallo o da passeggiate nella natura attraverso i numerosi sentieri che caratterizzano la Valsesia. Per chi volesse fermarsi più giorni le strutture alberghiere sono semplici e accoglienti, in armonia con i costumi della montagna più autentica, che tiene molto alla sostanza, come il rispetto dell’ambiente e la conservazione della natura. Anche per questo il  Consorzio Intercomunale Val Mastallone, che riunisce tutti i comuni della valle, ha deciso di aderire alla Certificazione Internazionale Ambientale EN UNI ISO 14001 adottando le buone prassi legate alla “Qualità Ambientale”, inerenti in particolare la raccolta rifiuti, il servizio idrico integrato, la qualità delle acque e i servizi comunali. Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento Vi consigliamo una collana dedicata alle splendide spiagge di torrente: Mystic Rivers, le spiagge dolci del nord-ovest di Filippo Tuccimei, con più di 130 spiagge esclusive e tutti gli elementi per programmare da casa la vostra vacanza, week end o fuga in giornata: schede qualitative, foto, mappe, itinerari, coordinate geografiche per singola spiaggia, per scegliere al meglio e raggiungere facilmente i siti di interesse; oltre a strutture ricettive e di ristorazione in zona. L’itinerario proposto insime ad alcune foto è estrapolato da Mystic Rivers – Mastallone e Sesia, disponibile, insieme alle altre edizioni, sulla pagina web della guida.

Ecco allora alcune delle spiagge che meritano sicuramente una visita:

VARALLO – Ponte Antonini (Mastallone)

Per i turisti «Varallo Beach», in pieno centro nella città del Sacro Monte sulle rive del Mastallone, è diventata più di un’attrazione, ma una tappa irrinunciabile di chi passa le ferie in Valsesia.  Sotto il ponte Antonini, nello spazio fornito di sdraio e ombrelloni messo a disposizione gratuitamente dal Comune, decine di persone, villeggianti o varallesi in pausa pranzo, spesso sfruttano questo spazio per rilassarsi e rinfrescarsi dal grande caldo. Potete lasciare la macchina nei vari parcheggi in paese e raggiungere a piedi il ponte Antonini e l’accesso alla spiaggia. La spiaggia è abbastanza grande di sabbia fine e piccoli ciottoli.

VARALLO – El Caribe (Torrente Mastallone)

Da Varallo seguite la strada per Fobello e Cervatto e a 4,7 km dal paese cercate il sentiero che scende verso il torrente. Il punto di accesso si trova circa 200 m prima del cartello “km 4” subito dopo un tornante nei pressi di , uno spiazzo sulla destra. Attraverso un semplice sentiero in pochi minuti raggiungerete la spiaggia: sulla vostra destra troverete un rudere in pietra, da qui il sentiero devierà a sinistra, portandovi in breve tempo verso la spiaggia. La spiaggia è caratterizzata da un fondo in sabbia e da una grande piscina naturale dai colori caraibici che si forma grazie ad una profondo conca (anche più di 3 metri) subito dopo una rapida. La vasca naturale si estende per circa 150 metri prima di gettarsi in una nuova rapida. Immersi in un ambiente naturale ancora selvaggio e caratteristico della montagna potrete immergervi nelle acque turchesi che regala il Mastallone in questo tratto.

VARALLO – Tropicali (Torrente Mastallone)

Procedete circa 220 metri dopo il punto di accesso per la spiaggia El Caribe, troverete un’apertura nel guardrail circa 10 m prima del km 4 della SP9. Potete lasciare la macchina in un piccolo spiazzo sulla destra della strada superato il tornante successivo oppure parcheggiare comodamente poco più avanti presso lo spiazzo antistante il Ponte della Gula. A breve distanza da Varallo, superato il bivio per Cervarolo, il fondovalle si restringe sino a formare una stretta forra fra due pareti di roccia viva che incorniciano un orrido profondo e di suggestiva bellezza. Qui è stato costruito appunto il Ponte della Gula. Si tratta di una tipologia di antichi ponti in pietra, ad una sola arcata ed a schiena fortemente ricurva, che in altre località italiane avrebbe fatto attribuire al manufatto la denominazione di “ponte del diavolo”, ma che neppure qui ha mancato di coinvolgere il Maligno in una curiosa leggenda: si racconta, infatti, che un bel giorno di tanto tempo fa, il diavolo fu condannato da un vecchio santone eremita che abitava nella zona, a costruire rapidamente qualcosa che potesse agevolare il superamento dell’orrido, pena la sua definitiva ricacciata all’inferno. Il diavolo allora non si perse d’animo e messosi di buona lena, in una sola notte costruì quell’ardito ponte, che gli permise così di rimanere ancora nascosto fra gli uomini a fare loro danno! La spiaggia è di finissima sabbia chiara, tanto da rievocare scenari decisamente più tropicali. C’è un’altra spiaggia di ghiaia situata a monte della prima, in sinistra orografica, per cui è necessario guadare il torrente: prestate massima attenzione nel caso voleste raggiungerla e cercate di attraversare il torrente poco prima della spiaggia, dove crea un piccolo isolotto ghiaioso nel mezzo. La piscina raggiunge una profondita di circa 1,5 metri e si sviluppa tra due rapide del torrente, per una distanza totale di circa 50 metri. Le acque sono limpide, trasparenti e fanno da cornice ad un ambiente paradisiaco e dalle fattezze tropicali.

VARALLO – Morca (Fiume Sesia)

Superate Varallo e seguendo la direzione per Alagna Valsesia troverete dopo 5,1 km una piccola rotonda in località Balangera. Svoltate a sinistra presso la rotonda, in direzione del vecchio ponte in legno di Morca. Appena prima del ponte, superato il Raviolificio Bertoli, troverete sulla destra un grande spiazzo dove lasciare le auto. Da qui partono vari accessi alla spiaggia. Appena al di sotto del parcheggio si trova un tratto abbastanza ampio di spiaggia di sabbia fine, a livello del fiume. La spiaggia degrada dolcemente nelle acque del fiume Sesia. Altri punti con spiagge accessibili si trovano sulla sinistra dell’accesso del ponte di Morca e sulla destra appena superato il ponte. Anche in questo caso il fiume regala colori fantastici che vanno dal verde al turchese con scorci che non hanno nulla da invidiare alle coste sarde. Il luogo è ideale per le famiglie.

BALMUCCIA (Fiume Sesia)

Seguendo la SS299 per Alagna Valsesia, arrivati al bivio per Balmuccia e la Val Sermenza potete lasciare l’auto nel comodo parcheggio in corrispondenza della scultura in ghiaccio (finto) ed individuate un’apertura nel guard rail dall’altro lato della strada, verso il fiume. Prendete il sentiero in discesa oltre l’apertura. Il fiume in questo tratto crea una zona di acque calme tra due rapide per un tratto di circa 100 metri. L’ambiente circostante è tipico montano, incastonato tra le pareti e i pendii circostanti coperti da una folta vegetazione. La strada statale non è distante ma grazie agli alberi alle spalle della spiaggia la privacy è assicurata. La spiaggia è composta prevalentemente da ghiaia e ciottoli. Consigliamo l’uso di sdraio o lettini prendi sole. In spiaggia si può godere di ombra naturale, soprattutto nelle ore pomeridiane. Il luogo è ideale per le famiglie.

Altre foto delle acque turchesi del fiume Sesia e del torrente Mastallone

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

X