Alto Sermenza – Rimasco

Nome dialettale / Origin name: Rimask
Superficie / Surface: 24 kmq
Altezza / Height: 906 m
Abitanti / People: Rimaschesi
Festa patronale / Patronal festival: 25 Luglio, San Giacomo

Ameno paesello reso attraente dal laghetto artificiale nel quale si specchia. Piacevole luogo di soggiorno estivo, in uno scenario arcadico e tranquillo che si apre nelle sue due amenissime vallette del Sermenza e dell’Egua.


  

Territorio

Rimasco sorge sulla confluenza di due torrenti, l’Egua e il Sermenza, che danno i nomi alle rispettive valli che attraversano. Nel 1925 venne realizzata una diga a valle dell’abitato che diede vita ad un invaso artificiale utilizzato per la produzione di energia elettrica: tutt’ora il paesaggio rimaschese è conosciuto e reso inconfondibile proprio dalla fisonomia che questo lago gli conferisce. In realtà l’insediamento è molto più antico: si pensa che
L’abitato centrale è abbracciato da alcune piccole quanto graziose frazioni: Campo Ragozzi, Dorca, Ferrate, Priami, Balmelle, Cà di Zelle, Oro, Molino, Piè di Rossi, Munca. Nel 1479 Rimasco si separò dalla parrocchia di Boccioleto, divenendo comunità autonoma.
Una parte del territorio rimaschese è protetto dal Parco Naturale Alta Valsesia.

Arte e Cultura

Poco prima dell’ingresso nel centro si è accolti dall’affresco della “Gloria della Vergine” che campeggia sulla facciata della chiesa parrocchiale dell’Assunta, in frazione Ferrate: la tradizione vuole che sia stata eretta per via di un evento miracoloso legato ad un’icona mariana.
Poco distanti, sono degni di nota anche gli affreschi contenuti nell’Oratorio di San Giovanni Battista attribuiti a Teseo Cavallazzi (XVI secolo). Stilisticamente affini, questi edifici sono ingentiliti dai tipici porticati ritmati da colonnine e coronati da imponenti campanili dalla guglia appuntita.
Dal laghetto rimaschese si nota bene come Rimasco sia tutta raccolta intorno ad un caratteristico nucleo di case dalla solida architettura in pietra.
Nei pressi dell’incontro dei torrenti Egua e Sermenza sorge la chiesa parrocchiale dedicata a San Giacomo, rimaneggiata fino ad assumere le forme attuali entro il 1688: al suo interno spicca l’altare maggiore, costruito in legno su un tabernacolo piramidale e arricchito dalle sculture che ritraggono San Giovanni Battista e San Giacomo. Alle pareti laterali sorprendono alcuni lacerti di affreschi del XV secolo raffiguranti i mesi e il lavoro dell’uomo,  unico esempio in tutta la valle. Le zone alpigiane soprastanti l’abitato sono ricche di fascino ambientale ed etnografico: riportano alla mente la vita delle origini stanziali dei primitivi villaggi, lo scambio culturale tra le popolazioni Walser – giunte da Rimella e dalla Res di Fobello –  e quelle propriamente valsesiane. In frazione Dorca si può ancora vedere una torba Walser del XVII secolo.

Sport

La ricca rete sentieristica che circonda il paese offre bei percorsi montani per il trekking adatto a vari tipi di preparazione atletica (tra i più noti quelli che conducono all’Alpe Lampone o alla panoramica frazione Dorca).
Grazie alla palestra di roccia “Guido Filisetti” anche gli amanti del climbing possono esercitarsi comodamente in questa disciplina.
L’abbondanza di acque torrentizie che caratterizza la morfologia di questa area, unitamente al lago artificiale, garantisce la pratica della pesca sportiva.

Curiosità

Negli ultimi anni Rimasco ha conosciuto una crescita turistica grazie alla realizzazione di un bob estivo su rotaia. Si pratica nell’area di un ex impianto sciistico riqualificato che si trova in località Pian della Ratta. La pista ha una lunghezza di 1,8 Km per un dislivello di circa 220 m.
La Sagra della Miaccia è una manifestazione tradizionale di Rimasco divenuta famosa ben oltre i suoi confini: di solito si svolge il giorno dopo ferragosto. La Miaccia è uno degli alimenti tipici dell’alta Valsesia e la sua preparazione è attestata dai notai sin dal XV secolo. Si tratta di una sorta di cialda fatta con farina bianca, latte e uova, cotta sul fuoco con un apposito utensile formato da due piastre rotonde di ferro con lunghi manici. Esiste la doppia variante di impasto, più croccante o morbida, eventualmente farcita con toma e salumi o marmellate e nutella.

WEBCAM IN DIRETTA DA RIMASCO

Panorama sul lago di Rimasco
Alpe Campo di Rimasco

Da non perdere

CHIESA PARROCCHIALE DI RIMASCO E DI FRAZ. FERRATE

Le chiese maggiori rivestono una grande importanza dal punto di vista storico e artistico, e rappresentano un punto di partenza per la visita agli oratori circostanti


FUNBOB ESTIVO

Allestito nell’area di un ex impianto sciistico riqualificato corre su una pista lunga 1,8 Km


LE FRAZIONI

Una passeggiata nelle frazioni e tra gli alpeggi del territorio offre la possibilità di conoscere anche le bellezze meno note di questi antichi insediamenti

Chiesa parrocchiale di San Giacomo
Via Centro, n.7
Orari sante Messe
Festiva: Domenica ore 11.00
Telefono: 0163.95.105

Comune di Rimasco
Via Centro, 10 – 13026 Rimasco (VC)
Tel. (+39) 0163.95.125
Email: protocollo@comune.rimasco.vc.it

Fun Bob
Tel. 346.35.19.589
Web: rifugioalpecampo.jimdo.com

Galleria fotografica

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

X