UNA PASSEGGIATA TRA LE FRAZIONI DI ALAGNA

I piccoli villaggi che circondano il centro storico di Alagna, tutti collegati tra di loro, offrono la possibilità di fare delle belle passeggiate per scoprire i tratti più caratteristici del territorio.

Dalla chiesa parrocchiale l’itinerario si snoda attraverso alcune delle frazioni “antiche”, edificate dai primi coloni Walser, e delle frazioni “alte” dalle quali si può godere di pittoreschi scorci panoramici.

Risalendo in direzione Wold il cammino procede dal ponte di Zam T’achi per raggiungere Pedemonte (un villaggio pressoché intatto al centro del quale si può visitare il Museo Walser e il grazioso oratorio di San Nicolao) passando per la frazione Ponte, distrutta da un incendio nel 1819 e ricostruita poco dopo. Da Pedemonte si continua verso Ronco, piccolo e panoramico abitato appoggiato sul fianco della montagna, e Ronco Superiore, dove si può osservare un fienile costruito su degli antichi stodal-bai, dei piedritti di legno che servivano a distanziare il modulo edificato dal suolo. Attraversando il torrente Mud si raggiungono frazione San Nicolao e frazione Uterio dove si possono vedere, rispettivamente, il forno e i mulini, tappe dell’Ecomuseo. Il sentiero può continuare con una deviazione verso Merletti, dove si è conservato uno dei forni per la produzione della calce (tappa dell’Ecomuseo) e dei pregevoli affreschi del XV secolo nella chiesetta di Santa Maria Maddalena (Merletti Superiore), per poi ridiscendere verso Montella.
Il piccolo oratorio di Maria Ausiliatrice detta il passo all’interno di una frazione che offre un bel panorama sul centro di Alagna mentre il sentiero prosegue verso Goreto, un agglomerato risalente alla prima metà del XIV secolo immerso tra la vegetazione e le architetture antiche. Dal lato opposto della strada carrozzabile si affaccia la piccola Rusa, di fondazione coeva a Goreto, con case risalenti al XV secolo. A questo punto il percorso continua seguendo il torrente Olen e arriva alle frazioni Piane e Dosso, con i loro graziosi oratori adorni di belle opere d’arte, per poi scendere verso Alagna immerso in un bosco di larici e faggi. Una volta guadagnata frazione Bonda (sopra il piazzale delle funivie) e superate le sue belle case e gli orti, si può tornare verso il centro, costeggiare il teatro dell’Unione Alagnese, e scendere ancora verso frazione Riale (inferiore e superiore) con le chiesine e i forni del pane; poco oltre si raggiunge frazione Resiga, dove si è conservato un bell’esemplare di segheria idraulica alimentata, in questo caso, dalle acque del torrente Otro. Risalendo verso il centro di Alagna si attraversa ancora frazione Pedelegno, con un gruppo di case antiche che conservano il loro fascino e regalano un “colpo d’occhio” molto caratteristico alla morfologia globale del paese.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

X