La “Oltertol”: tra i borghi Walser della Val d’Otro

Ad ovest di Alagna si guadagna la mulattiera verso uno degli alpi più amati dagli escursionisti di tutto il mondo: Otro. Di origine Walser, la sua bellezza è il frutto dalla perfetta simbiosi dell’uomo con la natura. I documenti lo citano almeno a partire dal 1025 come uno degli alpeggi più ricchi della zona. Si compone di sei frazioni (Felleretsch, Tschukk, Follu, Dorf, Scarpia e Weng) piccoli villaggi di poche case. La prima frazione che ci accoglie è Follu, con il suo Oratorio della Madonna della Neve e i bei prati tutt’attorno. Un momento di ristoro al rifugio darà il via all’ultima parte del tragitto verso i soprastanti Alpe Pianmisura Piccola (1.782 m) e Pianmisura Grande (1.854 m).

Scheda Tecnica

Partenza: Alagna, fraz. Resiga, 1.154 m
Arrivo: Frazione Follu, 1664m
Dislivello: 510 m a Follu; 700 m a Pianmisura Grande
Difficoltà: E
Durata: 1,20/ 2,00 ore
Stagionalità: tutto l’anno con attenzione al livello neve.
Punti appoggio: Rifugio a Follu
Segnavia: n° 3 (203)
Cosa serve: Attrezzatura da media montagna

Val d'Otro

Da non perdere

  • 1: Alpe Gender (m. 1625) – Belvedere (m. 1824)
  • 3: Alagna (m. 1154) – Bivacco Ravelli (m. 2503) – passo dell’Uomo Storto (m. 2870)
  • 3a: Bivio salita d’Otro (fontana Riri, m. 1420) – Alpe Gender – Bocchetta di Puio (m. 3171) – Corno Bianco (m. 3320) (il primo tratto è chiuso per frana)
  • 3b: Alpe Pianmisura piccola (m. 1782) – Passo Foritsch (m. 2432) – Passo Zube (m. 2874)
  • 3c: Alpe Zube (m. 2515) – Alpe Granus (m. 2338)
  • 3e: Bivacco Ravelli – Laghi Tailli (m. 2386)
  • 3f: Alpe Tailli (m. 2065) – Sella di Costa (m. 2397)
  • Presso la frazione Follu (m. 1664) sorge il rifugio e punto di ristoro Zar Senni (Alla Latteria).
  • In località laghetto di Terrafrancia (m. 2500 circa) è situato invece il Bivacco Luigi Ravelli.

Gli itinerari sono organizzati in collaborazione con Itinerantes, Guide turistiche e ambientali per la Valsesia e l’Alto Piemonte

Il percorso

Dalla piazza regina Margherita di Alagna, si scende lungo la via dei Walser e si svolta a destra in direzione del teatro Unione Alagnese, si sale la scaletta che parte dal portico del teatro e si prosegue a sinistra sul sentiero lastricato che porta in frazione Reale. Attraversata la carrozzabile inizia il sentiero. Dopo aver oltrepassato il casolare di Stiga, lasciato a sinistra il sentiero che scende alla Caldaia di Otro (Olter Chessi) e a destra quello che porta alla abbandonata miniera di manganese, si giunge ad una caratteristica fontana preso la biforcazione di quota 1420 m con il sentiero 3a (203a) per Dsender e i Laghi Tailly (ore 1) . Poco prima si sale a destra, si supera una cappella e con numerosi zig zag si sbuca nella conca di Otro di fronte alla piccola chiesa di Follu a 1664 m.(ore 0,20-1,20). È questo il primo dei villaggi sparsi nell’altopiano di Otro. Brevi sentieri si dipartono dalla mulattiera collegando i villaggi di: Follu, Felleretsch, Ciucche, Dorf, Scarpia e Weng (Oltre il prato il sentiero 1 scende all’Alpe D’sender). A Follu il rifugio Zar Senni offre ospitalità e ristorazione. Dalla citata chiesetta l’itinerario raggiunge i villaggi di Dorf e di Scarpia a 1726 m, dove la mulattiera, tra pascoli e ontani selvatici, vi porta all’alpe Pianmisura Piccola m 1782 (ore 0,45-1,45). Si scende brevemente a superare il Rio Foric, a valle di Pianmisura Grande m 1854. Alle ultime case di Pianmisura Piccola inizia con segnavia 3b (203b) l’itinerario che porta al Passo Foric e al Passo Zube a 2874 m. Da Pianmisura, infatti, si potrà poi raggiungere il passo Zube (2874) in circa 2 ore, il Bivacco Ravelli (2504) in circa un 1.30 ore e il Passo Foric (2432), coolegamento con la val d’Olen, in circa 2 ore.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

X