Il Vino Nebbiolo DOCG

Distesa tra la Baraggia e le colline, Gattinara è la città dell’Uva

Gattinara è un borgo popolato sin dall’epoca golasecchiana (V secolo a.C.) e dimostra la sua rimodulazione urbana, avvenuta nel Medioevo, attraverso i ruderi di impressionanti fortificazioni.
La sua notorietà viene dalla coltivazione delle uve Nebbiolo. Sulle colline che circondano il centro abitato si producono vini DOC e DOCG conosciuti in tutto il mondo. La tradizione vuole che la coltivazione della vite abbia inizio già in epoca romana.
Si tratta di un territorio profondamente vocato alla cultura vitivinicola e sconfina nelle vicine provincie di Novara e Biella. I diversi vini prodotti si possono conoscere grazie all’Enoteca Regionale di Gattinara e alle numerose Cantine dei produttori locali. Alcune Cantine sono particolarmente famose e sono state insignite, negli anni, di premi nazionali e internazionali. Grazie a speciali visite guidate con i produttori si può conoscere tutta la filiera di produzione del vino, dai campi alla bottiglia, e terminare con prelibate degustazioni.
Il Gattinara DOCG si sposa perfettamente con i piatti della tradizione gastronomica locale come risotti, carni conservate, formaggi: sarà strepitoso pranzare nei ristoranti del centro storico affidandosi all’accurata capacità di abbinamento degli chef.

Le caratteristiche

  • Origine: Uve Nebbiolo
  • Composizione ampelografica: vitigno Nebbiolo (Spanna) dal 90 al 100%
  • Invecchiamento: min. 35 mesi, di cui 22 in botti di legno (“Gattinara riserva min. 47 mesi di cui 36 in botti di legno)
  • Colore: rosso granato con leggere sfumature aranciato
  • Odore: fine e speziato con lievi sentori di viola
  • Sapore: asciutto, armonico, con caratteristico fondo amarognolo
  • Titolo alcolometrico: superiore a 12,50% vol.

Da sapere

  • Luogo di produzione: vigneti di giacitura collinare tra 250 / 550 metri slm
  • Certificazione: DOCG (D.P.R. 20 ottobre 1990, aggiornato con D.M. 7 giugno 2010 su Gazzetta Ufficiale n.144 del 23/6/2011)
  • Forma: grappolo con dimensioni medie, forma piramidale allungata; acino non molto grosso quasi ellissoidale con buccia color viola scuro, ricoperta da una “patina” chiara simile ad una nebbiolina
  • Periodo di vendemmia: fine settembre – ottobre
  • Abbinamenti: piatti a base di carne, affettati e formaggi stagionati; primi delicati come il risotto

Il tour

  • Tipologia di interesse: culturale, ambientale, gastronomico
  • Difficoltà: (T) Semplice
  • Accesso ai disabili: SI 
  • Periodo: tutto l’anno
  • Abbigliamento: adatto alla montagna e ai rapidi cambi di temperatura

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Content is protected !!
X